Borgo del Porto: un Cultural District a Civitavecchia

English Version

Come tante altre località marittime del Mediterraneo, Civitavecchia detiene un potenziale enorme, ma ancora inespresso, complice anche la diffusa percezione della città come “quartiere di Roma”.

 

Quella di Civitavecchia, in realtà, è un'identità ricca di cultura e di storia, costruita nei secoli da papi e artisti (tra cui Michelangelo, Antonio da Sangallo, Bramante e, presumibilmente, Raffaello), letterati e imperatori.

 

La città, inoltre, è da anni un importante centro nevralgico del traffico navale e crocieristico, tanto che, secondo il rapporto dell'Italian Cruise Watch del settembre 2016, la stima del numero di passeggeri in transito si attesterebbe intorno ai 2.3 milioni (nel Mediterraneo una cifra inferiore solo a quella di Barcellona).

Il settore crocieristico, infatti, è divenuto negli ultimi anni il vero fiore all'occhiello dell’offerta turistica italiana, con Civitavecchia nel ruolo di leader.

Tuttavia, non aver investito nel turismo ha comportato, per l'Italia, grandi perdite in termini di PIL (2%) e occupazione (3%). Unioncamere ha addirittura stimato che il settore ricettivo italiano abbia perso il 16% del fatturato tra il 2011 e il 2014 a causa dell’incuria del territorio.

È qui che entra in gioco il web e la comunicazione digitale. Secondo il rapporto "L'Industria del Turismo 2016", infatti, la comunicazione online si dimostra particolarmente efficace soprattutto nei confronti delle destinazioni meno conosciute e molto legate al territorio e alla cultura locale (come nel nostro caso), soprattutto laddove le piccole realtà costituiscono sì un sistema ancora appetibile, ma i modelli di imprenditoria familiare, da soli, sembrano non essere più sufficientemente competitivi per il territorio.

La soluzione possibile va ricercata nell'aggregazione tra queste aziende e i professionisti del marketing e della comunicazione. Una tale collaborazione può veramente rappresentare il nuovo modello di sviluppo da seguire sia a livello locale che nazionale.

Ecco perché una delle nostre mission è quella di fare tesoro delle immense possibilità offerte dal territorio, consolidare la consapevolezza e la conoscenza del prodotto e favorire la sua internazionalizzazione, attraverso una corretta collocazione nel suo segmento di mercato.

L'obiettivo concreto è quello di creare un Cultural District (qui identificato con la zona dell’antico borgo marinaro di S.Giovanni) a Civitavecchia capace di offrire il meglio della produzione locale dal punto vista artistico, artigianale ed enogastronomico, fruibile subito dal quel 37% del flusso turistico che sceglie di rimanere in città (stima estrapolata dallo studio del Certet della Bocconi nel 2016 e che corrisponde all'incirca 850.000), ma anche (nel lungo periodo) dagli abitanti dell'Hinterland e dai cittadini stessi.

Un modello provvisorio di quanto si vorrebbe realizzare è stato da noi proposto in occasione dell’evento realizzato il 18 e il 19 aprile 2015 da un’aggregazione spontanea di aziende, associazioni e cittadini denominata appunto “Borgo del Porto”. In questa circostanza, sono state allestite gallerie d'arte contemporanea, esperienze culinarie ed un percorso volto alla valorizzazione del territorio.

BlogVai all'elenco